Il cuore del Presidio di Noha e Galatina, riconosciuto nel 2006, è rappresentato dall’attività di una piccola biblioteca scolastica di Noha. Giona è il nome scelto per questa biblioteca che ha deciso, sin dalla sua nascita, di inserirsi in maniera capillare nel tessuto sociale, catalizzando idee, energie, progetti, positività. Come il personaggio biblico che le dà il nome, Giona ha deciso di “abbandonare il ventre della balena”, di proiettarsi all’esterno per divenire servizio attraverso la comunicazione.
L’idea di costituire una biblioteca in grado di servire l’intera popolazione di Noha e dei paesi circostanti è nata dalla rilevazione del forte svantaggio culturale che caratterizza questa piccola frazione del comune di Galatina, spesso citata dalla cronaca per i frequenti episodi di vandalismo e delinquenza. L’intento è quello di contribuire al miglioramento della qualità della vita del paese, promuovendo la formazione di persone inserite nel proprio tempo, capaci di orientarsi in un contesto socio-culturale complesso e problematico, in grado di relazionarsi anche con l’Istituzione (all’interno di regole chiare e condivise) e fiduciose nella propria capacità di progettare e realizzare il personale ed altrui benessere.