L’Associazione Presìdi del Libro dal 2012 ha costituito da oltre dieci anni una rete di 60 gruppi di lettura supportati da oltre 100 comuni, sparsi su tutto il territorio regionale sempre in crescita e della quale fanno parte realtà non solo sempre più numerose ma con una programmazione coerente con le strategie dell’Associazione, in linea con quelle delle politiche culturali della Regione Puglia.

Tra le finalità indicate nello statuto dell’Associazione è presente la formazione professionale, la conoscenza e saperi attraverso opportunità occupazionali, pertanto attraverso progetti pilota sopraindicati intende svolgere attività legate alla formazione di nuove figure professionali legate all’industria creativa e culturale.

Il Cepell – Centro per il libro e per la lettura ha pubblicato, nell’aprile 2017, l’elenco dei Comuni che entrano a far parte delle “Città che leggono” e che hanno dimostrato di possedere i seguenti requisiti:

  • esistenza di un festival, una rassegna o una fiera in grado di mobilitare i lettori e di attivare i non lettori;
  • presenza di una o più biblioteche di pubblica lettura;
  • presenza di una o più librerie sul territorio;
  • esistenza di iniziative congiunte di promozione della lettura tra biblioteche, scuole, librerie, associazioni.

Di tutti i suddetti requisiti, secondo il Cepell sono in possesso 363 Comuni italiani, di questi ultimi sono 54 i comuni dove opera l’Associazione. Pertanto, il 15% di tutte le città italiane che leggono è costituito dalla rete dei Presìdi del Libro.